LA CRISI E GLI STIPENDI DEL SINDACO E DEGLI ASSESSORI

di Domenico Perna

Pascucci & C. si sono aumentati lo stipendio di amministratori, alla faccia dei cittadini comuni a cui il governo Berlusconi sta facendo pagare la crisi con meno stipendio, meno pensioni, meno servizi e meno lavoro per i giovani. Il Comune di Castel Madama, a causa dei tagli del governo, ha avuto 163 mila euro in meno nel 2011, ne avrà altri 450 mila nel 2012 e 215 mila nel 2013. Sarà sempre più difficile erogare anche i servizi essenziali, eppure questi signori si aumentano le indennità!

Nell’agosto 2006 la giunta Salinetti, con delibera n. 127, ridusse del 15% le proprie indennità, destinando i soldi risparmiati a favore di progetti di inserimento al lavoro di giovani disoccupati, adulti licenziati, donne con figli a carico.
Dal 2007 al 2011 con questi progetti di lavoro trimestrali, 101 persone sono state impegnate in lavori utili al paese.
Il 30 settembre è terminato l’ultimo turno, ma nel frattempo non è stato riproposto alcun bando. Che fine farà questa esperienza positiva sia per sostenere famiglie con disagi, sia per dare dignità e speranza a persone escluse o espulse dal mondo del lavoro, sia per migliorare la pulizia e il decoro del paese? Sarà confermata? Sarà ridimensionata? E con quali soldi verrà finanziata?

Invece la giunta Pascucci, nell’agosto 2011, con delibera n. 110 ha riportato le proprie indennità al massimo previsto dalla legge. Confrontando le due delibere, entrambe consultabili sul sito del Comune (www.comunedicastelmadama.it), si ricava la seguente tabella:


GIUNTA SALINETTI Mensile lordo GIUNTA PASCUCCI Mensile lordo
Sindaco Salinetti Pino € 1.067 Sindaco Pascucci Domenico € 2.510
Vice sindaco Paolacci Amerina € 533 Vice sindaco Nonni Michele € 627
Assessore Pistoia Armando € 480 Assessore Liberati Luciano € 565
Assessore Grelli Alberto € 960 Assessore Cascini Mauro € 1.129
Assessore Testi Aldo € 960  
Assessore Ascani Vincenzo € 960   
Totale mensile delle indennità € 4.960 Totale mensile delle indennità € 4.831

La giunta Pascucci con due assessori in meno costa alla collettività quanto la giunta Salinetti.
Se la giunta Pascucci avesse applicato la stessa riduzione volontaria del 15% che aveva applicato alle proprie indennità la giunta Salinetti, si sarebbero risparmiati 725 euro mensili pari a 8.696 euro l’anno. Per molti castellani, soprattutto giovani, è uno stipendio!
Se poi il sindaco Pascucci, che costa alla collettività 1.444 euro al mese in più del sindaco Salinetti, si fosse ridotto lo stipendio alla pari di quello del Sindaco Salinetti ci sarebbe stato un ulteriore risparmio di 17.328 euro all'anno.

Sommando il risparmio ottenuto con l’autoriduzione del 15% (pari a 8.696 euro) con quello derivante da un’indennità del sindaco Pascucci pari a quella del sindaco Salinetti (pari a 17.328 euro) si sarebbe potuto ottenere un risparmio complessivo annuo di 26.024 euro! Che, moltiplicato per i cinque anni di una consiliatura, avrebbe comportato un risparmio di 130 mila euro!

Con tre assessori la giunta Pascucci avrebbe potuto costare alla collettività 26 mila euro l’anno in meno. Perché ciò non è avvenuto? Questi amministratori valgono di più? Oppure hanno pensato di ridursi in numero per percepire ciascuno di più? L’assessore Cascini ad esempio percepisce circa 60 euro in più di quanto percepiva il sindaco Salinetti. Pascucci percepisce più del doppio del sindaco Salinetti. Sono dei geni, o lavorano in Comune più tempo degli amministratori precedenti, oppure semplicemente operano in barba alla crisi ed al taglio delle risorse agli enti locali?

Inoltre il sindaco deve ancora nominare il quarto assessore donna, un obbligo di legge che infatti il TAR ha imposto anche al sindaco di Roma. Quando ciò accadrà il Comune dovrà sostenere i costi di un’altra indennità, oppure sostituire uno dei tre attuali assessori.

 
 
 
 

La tua opinione




 
Link  Sitemap
 
Copyright 2009 - 2010